Vaccini

L’Italia può definirsi un paese civile anche perchè esiste un piano vaccinale gratuito alla popolazione, garantito nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza).

Chiunque di voi, per ricordo diretto o perchè genitore da pochi anni, sa che esiste un calendario di vaccinazioni, redatto dal Ministero della Salute, che comprende vaccinazioni obbligatorie e facoltative. Queste sono rivolte a tutta la popolazione italiana, mentre esistono una serie di vaccinazioni obbligatorie per alcune determinate categorie professionali.

Per ora fermiamoci qui, parliamo un pò di quelle obbligatorie per tutti.

Esiste una corrente di pensiero secondo la quale vaccinarsi e vaccinare i propri figli non solo sia inutile, ma sia addirittura dannoso. Le motivazioni per giustificare questo delinquenziale comportamento di solito suonano così:”E’ tutta una mafia delle multinazionali che vogliono vendere il prodotto-vaccino”, oppure:”Se hai un sistema immunitario competente non hai bisogno dei vaccini, vieni a contatto con la malattia e poi la sconfiggi e intanto ti sei fatto gli anticorpi” e ancora:”Sono solo veleni per indebolire le persone, i tuoi anticorpi sono la difesa migliore”. Io queste argomentazioni le ho sentite anche da persone con un livello culturale medio-alto, con professionalità e famiglia, gente come me, per dire. E mi sono inferocita.

Chiariamoci, per me potete fare come cazzo vi pare. Potete non far vaccinare i vostri figli, potete pure tornare a partorire in casa, se ci tenete proprio, a me non ne viene in tasca niente, ma vorrei che fossero chiari alcuni concetti base.

Ci sono persone nel Mondo, e ci sono da parecchi anni, che di professione studiano il diffondersi delle malattie, la loro incidenza sulla popolazione, le complicanze che comportano e la possibilità di combatterle, con farmaci o con i vaccini, considerando, studiando e calcolando anche quanto gli effetti collaterali dei vaccini incidano rispetto agli effetti collaterali delle malattie stesse. Questo gruppo di persone nel Mondo si parlano, si scambiano dati e stilano delle linee guida per la tutela della popolazione mondiale. Si fanno chiamare Comunità Scientifica. Credetemi, non stiamo parlando di quattro stronzi, ok?

Prima che un vaccino, e parliamo sempre di quelli obbligatori, entri nei LEA viene condotto uno studio approfondito di anni, da centinaia di professionisti.

Ogni volta che decidete di fare una scelta sulla vostra salute o sulla salute dei vostri figli che si contrapponga alle raccomandazioni della Comunità Scientifica, voi decidete di correre un rischio, che può anche essere grave o mortale.

Le teorie farneticanti delle quali vi accennavo sopra sono spesso sostenute da persone, magari carismatiche, sicuramente filosofeggianti, ma di sicuro ignoranti e presuntuose.

Non basta essere proprietari del proprio corpo per conoscere i segreti del suo funzionamento. Ci sono persone che passano la vita a farlo e, magari, riescono a coglierne solo una parte infinitesimale.

Il nostro sistema immunitario, per quanto competente, non è in grado da solo di sconfiggere certe patologie. Il motivo per cui oggi la vita media sia superiore agli 80 anni non è casuale, ma è perchè le condizioni di vita sono migliorate e con essa la Medicina, che tra le tante strategie ha usato i vaccini.

Malattie come Vaiolo e Poliomielite sono state debellate (il Vaiolo a livello mondiale nel 1980, la poliomielite dall’Europa nel 2002) perchè la gente si è vaccinata. Ora io non metto in dubbio l’efficienza del vostro sistema immunitario, ma francamente lo vorrei proprio vedere contro il Vaiolo.

Vaccinare una popolazione significa arginare il diffondersi di una patologia che, magari, può essere una cazzata, ad esempio il Morbillo, ma in una percentuale di casi può portare a sequele gravi, anche mortali. Gli effetti avversi del vaccino del Morbillo sono statisticamente di numero e gravità inferiore. Quindi si vaccinano i bambini.

Io lo so che alcuni di voi sono convinti o conoscono qualcuno convinto che “Si stava meglio, quando si stava peggio”, ma io sinceramente non baratterei la mia situazione con la prospettiva di una vita media di 27 anni. Anche perchè sarei già trapassata da tempo.

Se proprio ci tenete a non vaccinarvi sappiate che tutti quelli intorno a voi lo sono, che il bacillo gira e che prima o poi vi troverà. Se, invece, deciderete di vaccinarvi, il vostro sistema immunitario troverà sulla strada un sacco di altri bacilli contro i quali sviluppare anticorpi, non temete.

Vi lascio questa infografica da guardare, sarà sicuramente più chiara della mia rabbia nell’affrontare questo argomento, nel frattempo cerco se per caso qualcuno ha scoperto il vaccino contro l’ottusità, in quel caso vi faccio un fischio.

Annunci