Non studiate Medicina

Oggi si sono svolti i test d’ingresso nazionali per accedere alla facoltà di Medicina e Chirurgia e sui giornali, nei giorni scorsi, si è parlato molto del calo di iscrizioni a questo test da parte dei giovani diplomati italiani, con conseguenti toni allarmistici della più diversa specie.

Contemporaneamente, su una rivista piuttosto famosa, è apparso un articolo dedicato all’elevato tasso di suicidi, circa 15%, degli studenti di Medicina in Gran Bretagna, nell’arco del loro percorso di studi.

A questo punto, mi sono sentita in dovere di fornire anch’io, su queste pagine, il mio irrilevante parere in merito.

La riduzione degli iscritti, circa 4000 dallo scorso anno, è stato interpretato come una deprimente perdita di fiducia nella romantica figura del medico, più altri deliri romantico-sociali che non ho nemmeno voglia di riportarvi, unito al fatto che, nei prossimi 5 anni, andranno in pensione molti più specialisti di quanti ne verranno formati nelle scuole di specializzazione, con conseguente riduzione di medici qualificati operanti all’interno del Sistema Sanitario Nazionale.

Ad essere proprio sincera, io mi sarei stupita se gli iscritti ai test di Medicina fossero aumentati, anzi, guardate, ormai il test è fatto, ma io ve lo dico ugualmente: non studiate Medicina.

Lasciate stare, siete ancora in tempo, davvero, nei prossimi giorni si terranno altri test, oppure andate a fare un anno sabbatico all’estero dove imparerete un’altra lingua. Vi sarebbe molto utile.

Non studiate Medicina.

Le famiglie italiane sono sempre più povere e le rette per 6 anni di università, più 5, o 6 di specializzazione (e questo è il tempo minimo impiegato se siete molto, molto bravi) sono salate, per non parlare dei libri e degli atlanti.

Le lezioni vi riempiranno la giornata e, il tempo rimanente, non vi basterà mai per lo studio.

I vostri amici andranno a ballare, a giocare a calcio, a scopare, mentre voi perderete diottrie sui vetrini di istologia che vi sembreranno tutti uguali, ‘sti maledetti, mentre là fuori è così varia, la vita.

Non studiate Medicina.

I professori sapranno essere davvero severi, ma non saranno niente in confronto ai medici ospedalieri che incontrerete in corsia. Loro non avranno nessun nobile spirito accademico, loro vi mostreranno il lato più crudo del mestieraccio. E non sarà per niente romantico, o avventuroso.

Piangerete. Tante volte. Nei bagni dell’università, nello sgabuzzino della farmacia, rintanati nei sotterranei, ma lo farete.

Penserete mille volte di mollare, molti lo faranno, molti rimpiangeranno di non averlo fatto.

Non studiate Medicina.

Probabilmente sverrete nell’assistere al primo intervento chirurgico, vomiterete in sala settoria durante la prima autopsia e gli operatori intorno a voi vi sfotteranno parecchio, sarete la loro barzelletta per qualche giorno. No, nessuno di loro vi chiederà mai scusa per questo, anzi, probabilmente l’aneddoto verrà tirato fuori alle cene di reparto anche quando sarete ormai specialisti a pieno titolo.

Non studiate Medicina.

Poi, un giorno, farete la vostra prima appendicectomia, la vostra prima diagnosi, la vostra prima anestesia. E lì, sì, che sarete davvero fregati.

Non gliene fregherà mai niente a nessuno di come state, se avete voglia di fare quello che fate, se avete dormito, se avete mangiato, se siete riusciti a superare un fallimento, perchè ci sarà qualcun altro che starà già inoltrando un’altra richiesta, un’altra urgenza, non importa che siate pronti ad affrontarla. Dovrete farlo.

Non studiate Medicina.

Sarete pagati poco, andrete in pensione fisicamente a pezzi, ma tutti saranno convinti che siate miliardari ladri e, assai probabilmente, incapaci.

Vi denunceranno, anche quando non avrete nessuna responsabilità, il vostro nome potrebbe finire accanto alla vostra foto, sotto il titolo Malasanità, anche se, alla fine, risulterete innocenti. E no, anche in questo caso nessuno vi chiederà scusa.

Non studiate Medicina.

Lavorerete a Natale, Capodanno e Pasqua, nel giorno del vostro compleanno, del compleanno di vostra moglie, o nel giorno del saggio di vostra figlia. Vi perdoneranno a fatica per questo, anche se capiranno le vostre ragioni. Voi non vi perdonerete mai.

Lavorerete con la febbre, i malati vi attaccheranno l’influenza, il morbillo e le peggiori schifezze che vi mostreranno in ambulatorio, mentre vi toccheranno, vi tossiranno in faccia, sanguineranno, pisceranno e vomiteranno sul pavimento.

Non studiate Medicina.

Poi un giorno uno di loro si salverà grazie al vostro lavoro, probabilmente lui nemmeno vi ringrazierà, ma dentro di voi si accenderà un fuoco che vi brucerà la vita. Verrà un giorno in cui saprete padroneggiare tutto ciò che avete studiato con fatica, verrà un giorno in cui la Medicina non sarà più un mistero, ma il vostro mestiere e buona parte della vostra vita. Fermatevi prima.

Non studiate Medicina.

Non avrete riconoscimenti, non avrete soldi, non avrete riscatto sociale, ma già vi vedo che, ormai, siete spacciati.

Tanti Clark Kent che non saranno mai Superman, anche se imparerete a volare.

Benvenuti, giovani colleghi, nemmeno io ho mai ascoltato i saggi consigli dei vecchi.

Annunci